28-11-2014 BRACCONAGGIO: SEQUESTRO DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO

Chieti, 27 novembre 2014 - In località Stazione di Tollo, il Comando Stazione Forestale di Ortona, intervenuto a seguito di segnalazione da parte di un cittadino al numero di emergenza ambientale 1515, ha sorpreso un bracconiere che, nascosto in un punto poco visibile, richiamava varie specie di uccelli utilizzando sementi a terra e, in violazione alla legge sulla caccia, richiami vivi costituiti da cardellini, tenuti in piccole gabbie o legati. Gli ignari piccoli volatili finivano così in una rete nascosta nella vegetazione.
Si tratta della crudele, oltre che vietata, pratica dell'uccellagione, che consiste nell'utilizzo di mezzi per catturare volatili vivi: molti dei selvatici, imprigionati in reti a scatto e riposti in gabbie anguste, muoiono dopo poche ore dalla traumatica cattura; la gran parte dei sopravvissuti ha comunque un'aspettativa di vita breve, da uno a due mesi al massimo.
‪#‎Antibracconaggio‬: nascosto in un punto poco visibile richiamava varie specie di avifauna protetta utilizzando sementi e richiami vivi. Denunciato un uomo per violazione della legge sulla ‪#‎caccia‬ e ‪#‎maltrattamento‬ ‪#‎animali‬ in provincia di ‪#‎Chieti‬
i Forestali immediatamente sequestravano gli strumenti di cattura mentre, verificata l'idoneità al volo hanno rimesso in ‪#‎libertà‬ gli esemplari
http://www.corpoforestale.it/…/ServeBLO…/L/IT/IDPagina/10317

place: 

Latitudine42.342448105672

Longitudine14.318434771583